Visualizzazione post con etichetta books review. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta books review. Mostra tutti i post

martedì 14 febbraio 2012

Koto di Kawabata Yasunari

La trama di "Koto" sembra molto semplice: è la storia di due sorelle gemelle separate alla nascita. Chieko venne abbandonata appena nata e adottata da un ricco mercante di stoffe di Kyoto; mentre Naeko rimane con i genitori (che moriranno più avanti) a lavorare nei boschi di cedri sulle montagne come operaia. Le due ragazze si incontreranno, un giorno in un tempio, e da quel momento il loro legame si farà sentire sempre più forte. Ma la differenza d'educazione, di stato sociale e il probabile matrimonio di Chieko renderà impossibile il loro sogno di vivere di nuovo insieme.
Come dicevo prima, sembra molto semplice, ma non lo è, perchè Kawabata riesce a raccontare i sentimenti in modo così dolce e profondo, da rendere ogni pagina preziosa. Riesce a farti immedesimare nei suoi personaggi e a farti provare le loro emozioni, quel senso di solitudine che aleggia in tutto il corso della storia, senza renderlo pesante. Un bellissimo esempio, sono le due violette che crescono separate su un robusto albero nel giardino di Chieko: nessuno ci ha mai fatto caso, tranne lei, che percepisce la loro solitudine e si immedesima in esse.
Tutto questo, dipinto sullo sfondo di una Kyoto piena di colori e di profumi dei fiori e delle piante dei suoi giardini, che Chieko e il padre amano visitare; la tradizione artistica della creazione di stoffe e di obi per kimono, che ti fa quasi venir voglia di indossarne uno; la lavorazione dei cedri, che dovevano essere lisci e perfetti come colonne di marmo.
Questo libro lo consiglio a chi vuole immergersi in una lettura ricca di emozioni e a chi ama la tradizione giapponese in tutti i suoi aspetti. Consiglio inoltre di leggere anche tutti gli altri romanzi di Kawabata Yasunari, perchè ne vale veramente la pena; io ad esempio ho letto "Il paese delle nevi", "Immagini di cristallo" e "Racconti in un palmo di mano".
La mia edizione di "Koto" è molto vecchia, perchè l'ho acquistata in un mercatino di libri usati, ed era stata stampata dalla BUR.
Se volete sapere qualcosa in più riguardo a questo particolare romanzo, all'autore o agli altri suoi romanzi, sono a vostra disposizione!


The plot of "Koto" may seem very simple: it's the story of two tween sisters that have been separated at birth. Chieko was abandoned just after her birth and adopted by a rich merchant of fabrics from Kyoto; while Naeko remained with her parents (they will die later on) as a worker in the cedar woods in the mountains.
One day, the two girls will meet in a temple and from that moment their bond will grow stronger and stronger. But the education and status gap between them, and the possible marriage of Chieko, won't allow them to stay together again.
As I told you before, this may be simple, but it isn't, because Kawabata can tell feelings in such a sweet and deep way, to make every single page precious. You can identify in his characters and he can make you feel their emotions, that sense of loneliness that goes through all the story, without make you feel heavy. A beautiful example are the two violets that grow separately on a robust trunk in Chieko's garden: no one noticed them, except Chieko, that felt their loneliness and identifies with them.
All of this, painted on the background of a Kyoto full of colours and smells of the flowers and trees of his gardens, that Chieko and her dad love to visit; the artistic tradition of creating fabrics and obi for kimonos, that makes you want to wear them; the cedar's manufacture, that had to be smooth and perfect as marble columns.
I recommend this book if you like readings full of emotions and if you love japanese culture in all its shades. I also recommend to read all Kawabata Yasunari's novels, because it's worth it, for example, I read "Snow Country", "Palm of the Hand Stories" and "Images of Crystal".
My edition of "Koto" is very old, because I've bought it at flea market of used books.
If you want to know something more about this novel, his writer or his other novels, just ask me!

Kisses,

venerdì 18 novembre 2011

Che fine a fatto Mr Y. di Scarlett Thomas


Avevo sentito parlare di questo libro la prima volta in uno dei bellissimi video sui libri di Bluebeam310 (aka Federica Frezza). Quest'estate al mare, ad una vendita di beneficenza di libri usati, ecco che lo vedo spuntare, e un po' per curiosità, un po' per il prezzo assolutamente irrisorio decisi di comprarlo. Beh, devo dire che sono molto soddisfatta di averlo fatto. Non avevo mai letto nulla di Scarlett Thomas (purtroppo) ed è stata una piacevole scoperta.

"Che fine ha fatto Mr Y." è la storia di Ariel Manto, una studentessa di filosofia che sta elaborando il suo dottorato sugli esperimenti mentali insieme al suo professore Saul Burlem. Il titolo di questo libro è anche il titolo del libro che sarà al centro della storia: un libro rarissimo scritto da Thomas E. Lumas, misteriosamente scomparso dopo averlo scritto. Si dice, infatti, che il libro sia maledetto e che chiunque lo legga non sopravvive. Libro su cui il professor Burlem e di conseguenza Ariel concentrano gran parte dei loro studi. 
Burlem però scompare misteriosamente, senza lasciare alcuna traccia e poco tempo dopo una parte dell'università che frequenta Ariel crolla a causa del cedimento di un ex galleria della metropolitana situata proprio lì sotto. Questi due eventi saranno il punto di partenza della storia, di cui non voglio raccontarvi nient'altro per non svelarvi troppo. 
Vi dico solo che questo libro è un viaggio fantascientifico attraverso il mondo delle menti, del pensiero, della fisica quantistica e della letteratura; godibile nonostante a volte le spiegazioni scientifiche possano sembrare difficili per chi non ne capisce molto ;P 
Il mio giudizio finale è stato positivo: consiglio di leggerlo se avete voglia di intraprendere un viaggio in un luogo un po' diverso dal solito... 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...